Comune di Ravarino

Comune di Ravarino

Salta la navigazione





Cosa significa Riscattare

La  procedura ha per oggetto i seguenti atti

  • la cessione in proprietà delle aree comprese nei piani approvati a norma della legge 18 aprile 1962, n. 167 (piani di zona per le aree PEEP), ovvero delimitate ai sensi dell’articolo 51 della legge 22 ottobre 1971, n. 865, già concesse in diritto di superficie ai sensi dell’articolo 35, quarto comma. della medesima legge n. 865 del 1971


  • la rimozione dei vincoli e delle limitazioni di godimento sulle aree comprese nei piani approvati a norma della legge 18 aprile 1962, n. 167 (piani di zona per le aree PEEP), ovvero delimitate ai sensi dell’articolo 51 della legge 22 ottobre 1971, n. 865, già concesse in diritto di proprietà ai sensi dell’articolo 35 della medesima legge n. 865 del 1971.
  • la rimozione dei vincoli sulle aree comprese nei comparti pubblici urbanizzati e lottizzati del comune di cui alle deliberazioni 138 del 24/11/1977 e 94 del 29/05/1979
  • la rimozione dei vincoli di prezzo e canone massimo di locazione contenuti nelle convenzioni stipulate ai sensi dell’articolo 8 della legge 10/77 e dell’art. 18 del testo unico dell’edilizia ai sensi del comma 49 ter dell’articolo 31 della legge 448/98 e s.m.1
  • la cessione in proprietà delle aree comprese nei piani approvati a norma della legge 18 aprile 1962, n. 167 (piani per gli insediamenti produttivi PIP) ai sensi del comma 64, art. 3 legge 23/12/1996 n 662 come modificato dall’art. 11 della legge 12dicembre 2002 n. 273.
 

Chi possiede un alloggio in diritto di superficie o in diritto di Proprietà in area Peep e PIP o nei comparti pubblici, così come scritto nella convenzione stipulata al momento della assegnazione dell’alloggio, è stato sinora gravato dai seguenti vincoli:

 

Per chi è in Diritto di superficie:

  • l’assegnatario ha il possesso dell’immobile (dei muri), ma non del terreno (che è di proprietà del Comune, come verificabile con visura catastale);
  • la convenzione è a termine; decorsi di norma 99 anni essa può essere rinnovata a fronte del pagamento di un nuovo corrispettivo oppure il Comune potrà assumere il possesso dell’alloggio;
  • in caso di vendita vi è l’obbligo di richiesta di autorizzazione all’Ente che verifica i requisiti dell’acquirente, stabilisce il prezzo e può esercitare il diritto di prelazione sull’immobile al prezzo dichiarato/stabilito;
  • in caso di locazione, va formulata richiesta di autorizzazione al Comune che verifica il prezzo e il possesso dei requisiti da parte dell’affittuario.

Per chi è in Diritto di Proprietà:

  • l’assegnatario ha il possesso dell’immobile e del terreno di norma per i primi 20 anni è vincolato nella vendita e nella locazione in modo analogo a quanto avviene per il diritto di superficie
  • successivamente è tenuto, in caso di vendita, a versare al Comune il differenziale di prezzo tra il valore dell’area fissato dalla convenzione ed il valore di mercato dell’immobile al momento della vendita;

Per chi è nei Comparti Pubblici:

  • La convenzione non ha scadenze
  • in caso di vendita vi è l’obbligo di richiesta di autorizzazione all’Ente che stabilisce il prezzo
  • in caso di locazione, va formulata richiesta di autorizzazione al Comune che definisce il canone
 

Previo il pagamento di un corrispettivo agevolato l’assegnatario potrà rimuovere tutti i vincoli sopra descritti e diventare pieno proprietario del proprio immobile e quindi, in definitiva:

  • vendere a chiunque senza dover chiedere nulla osta al Comune ed al prezzo effettivo di mercato;
  • poter accendere mutui per il valore pieno dell’immobile e non per quello convenzionato (molto inferiore)

L’adesione al riscatto è assolutamente volontaria ed individuale

Primo inserimento del 07/01/2013 -- Ultimo aggiornamento del 07/01/2013 ore 15.17 -- N° visioni: 1.248 - Stampa


Torna su


Sei il visitatore n° 2.863.295 - Totale utenti attualmente collegati: 446

Strumenti per la lettura: Visualizza il testo a caratteri normali Visualizza il testo a caratteri grandi Visualizza il testo ad elevato contrasto Visualizza il testo senza grafica

Ultimo aggiornamento: Venerdì, 24 Novembre 2017 ore 13.09

Stemma del Comune di Ravarino
Comune di Ravarino
Via Roma, 173 - 41017 Ravarino (MO)
Tel. 059 800 811 - Fax 059 900 200
Posta elettronica certificata: comunediravarino@cert.comune.ravarino.mo.it
Partita IVA 00314810367
Privacy - Note legali

© 2005-2017 Comune di Ravarino - Sito realizzato con stile e criterio da Aitec.it

Amministrazione Trasparente

Comune di Ravarino - Torna alla pagina iniziale Unione del Sorbara Comune di Bastiglia Comune di Bomporto Comune di Nonantola